La conoscenza: l’arte di saper guardare lontano

Il 9 aprile, con uno sguardo sulle più moderne tecnologie di esplorazione dell’universo, si è chiusa la stagione che il Circolo Galilei ha dedicato all’Anno Internazionale dell’Astronomia con il lungo ciclo dal titolo “Il futuro di Galileo – l’arte di saper guardare lontano” (ben 8 conferenze programmate più un fuori programma).

Gli incontri, iniziati il 18 dicembre, hanno spaziato dalla biografia galileiana al suo contributo allo sviluppo del pensiero scientifico, per giungere fino alle più attuali tematiche tecnico scientifiche legate all’astronomia: cosmologia e cosmogonia, tecniche di osservazione e prospettive di studio. E’ stato fondamentale, sia per la progettazione che per la realizzazione, il contributo del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Padova di cui fanno parte molti dei relatori, e che ci ha messo in contatto con gli altri. Un sincero ringraziamento va a tutto il Dipartimento ed in particolare al suo direttore Prof. Rafanelli, intervenuto anche in prima persona trattando il tema degli obiettivi dello studio dell’astronomia e al Prof. Peruzzi responsabile della divulgazione scientifica dell’Università di Padova.

Un sentito ringraziamento va alla SOMS di Mogliano, ma anche agli sponsor privati che hanno reso possibile la realizzazione di questa iniziativa. Anche i patrocini garantiti dalle scuole moglianesi, dal Comune e dall’Assessorato Provinciale alla Cultura hanno pesato sulla riuscita; anche se ci rimane il rammarico di non aver avuto mai la presenza di amministratori ai nostri incontri. Su questo rapporto lavoreremo di più in futuro perchè riteniamo importante condividere questi obiettivi anche con l’Amministrazione Comunale.

Particolarmente importante, oltre che fonte di incoraggiamento per le prospettive future, è stato il rapporto con le scuole pubbliche moglianesi: Liceo Scientifico “Giuseppe Berto” e Scuola Media Statale “Toti Dal Monte”. In particolare con la scuola media “Toti Del Monte” è stato instaurato un rapporto di preziosa collaborazione, sfociato in iniziative comuni e contributo reciproco alle attività di ciascuno, che ci auguriamo possa proseguire negli anni futuri e contribuire allo sviluppo della cultura scientifica del nostro territorio.

Dalle scuole è pervenuto un altro fondamentale contributo, forse meno evidente, ma certamente fondamentale: la nutrita presenza di professori e giovani studenti tra il pubblico delle nostre conferenze! Crediamo che questo rappresenti forse la principale gratificazione per il nostro lavoro: sapere che stiamo – pur nel nostro piccolo – contribuendo alla crescita culturale del nostro paese ed alla formazione delle nuove generazioni, ci stimola a proseguire nel nostro impegno ed a perseguire un costante miglioramento della qualità delle iniziative.

Tra i privati che hanno contribuito, ci si consenta di dedicare un ringraziamento particolare a Graziano Piovesan e a Luigi Scandolin che, sempre presenti ad ogni appuntamento, ci hanno consentito di documentare gli eventi con foto e riprese che, prossimamente, saranno riversate in DVD e rese disponibili.

Naturalmente non possiamo non sentirci orgogliosi per la puntuale e generosa presenza dei cittadini di Mogliano e dei paesi limitrofi. La sala del Centro Sociale ha rischiato spesso di risultare insufficiente a contenere il pubblico interessato ai temi trattati. Una presenza così numerosa, interessata e costante nel tempo (malgrado l’ampio numero di appuntamenti e il ventaglio di tematiche trattate) ci conforta nella nostra convinzione che fare cultura paghi in termini di ascolto, e nel perseguire con sempre maggiore impegno il nostro obiettivo – riassunto nel motto: Scienza e Conoscenza – di diffusione del pensiero scientifico.

Click per ingrandireUn altro segnale importante giunge tramite un canale indiretto. Alla fine di novembre del 2009 abbiamo inaugurato il nuovo sito internet e la nuova newsletter usati per divulgare le nostre iniziative e, sempre più spesso, anche quelle di altri gruppi affini. Dalla sua pubblicazione il sito ha avuto oltre 4.700 accessi con una media giornaliera che, dopo le feste di capodanno, si è attestata intorno ai 45 contatti. Anche questo un segno inequivocabile di interesse ed attenzione.

Il nostro impegno non finisce qui: abbiamo in cantiere o già calendarizzate altre iniziative in coda al ciclo galileiano.

Il 17 aprile una visita all’Osservatorio di Asiago con circa 50 persone, invitati e ospitati dal Dipartimento di Astronomia dell’Università di Padova (contiamo di ritornare prima dell’inverno con un altro gruppo).

Il 6 maggio, con la premiazione del concorso “Adotta un esperimento” si chiuderà il ciclo delle Giornate della Scienza realizzato dalle scuole medie statali “Toti Dal Monte” anche con il nostro contributo.

Dal 15 al 22 maggio porteremo a Mogliano un planetario che, ospitato nella palestra delle scuole medie “Toti Dal Monte” di via Gagliardi, sarà a disposizione degli studenti ma anche aperto alla cittadinanza con modalità che stiamo definendo (sul nostro sito troverete a beve tutte le informazioni).

Sabato 19 giugno, nella suggestiva cornice degli scavi romani di ALTINO, riedizione della serata “O GRAZIOSA LUNA” con il patrocinio del Comune di Quarto d’Altino. La serata sarà completata dall’osservazione del cielo con i telescopi e la partecipazione degli amici del gruppo Astrofili Veneti.

Come non bastasse questo ricco calendario, stiamo già lavorando per riuscire ad offrire altri eventi a settembre, oltre che per la preparazione della prossima stagione di conferenze per l’inverno 2010-11.

Infine una nota su di noi. Il Circolo Galilei SOMS Mogliano persegue l’obiettivo di diffondere la cultura ed il pensiero scientifico, avvalendosi esclusivamente del lavoro volontario ed appassionato di un piccolo gruppo di persone. Non siamo scienziati o professori: ci riuniamo periodicamente di sera dopo il lavoro, studiamo, ci informiamo, ci attiviamo sul territorio con le istituzioni e con gli sponsor privati, coltiviamo i rapporti con le istituzioni culturali. Ma ci facciamo carico anche del trasporto, dell’installazione, dell’accoglienza e della comunicazione. Un lavoro a volte faticoso, ma certamente appassionate ed ampiamente ripagato dalla soddisfazione di vedere una sala gremita o raccogliere il ringraziamento degli spettatori e, non da ultimo, del poter godere della compagnia e della competenza di relatori di alto livello.

Il Circolo Galilei è aperto alla partecipazione di chiunque sia interessato ai nostri obiettivi e voglia mettere a disposizione una parte del proprio tempo e del proprio impegno. Non sono richieste specifiche competenze ne impegni definiti, ma la sola volontà di partecipare. Chi fosse interessato può contattarci tramite l’indirizzo di posta elettronica circolo.galilei@somsmogliano.it

Tags:

Scrivi un commento