Adriano Paggiaro: La statistica nei media: una piccola guida per interpretare i dati proposti da televisione e stampa

Nono appuntamento: venerdì 25 marzo 2011 ore 20.45

È spesso difficile definire in poche parole cosa sia la statistica. Ma è forse più semplice partire da cosa NON è o NON dovrebbe essere.
Il seminario prevede una breve rassegna critica di errori commessi dai media nell’interpretazione e nel commento di dati statistici. In particolare, è prevista la presentazione e discussione di alcune affermazioni erronee o fuorvianti contenute in titoli, articoli, servizi, pubblicità ed altre fonti mediatiche, con una specifica ma non esclusiva enfasi sull’ambito economico. Si partirà quindi da frasi come “un italiano su due è raccomandato”, “l’inflazione cresce del 2%” o “il 5% dei bambini è più intelligente della media”, cercando di definirne il significato, la provenienza dei dati utilizzati e l’interpretazione che da questi si è voluta estrapolare. L’obiettivo finale è porre le basi per aumentare la sensibilità al dato statistico e alla sua interpretazione critica.

 Adriano Paggiaro è Ricercatore di Statistica Economica presso la Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università di Padova, dove è titolare dei corsi di “Modelli statistici di comportamento economico (progredito)” e “Modelli statistici per le scelte economiche discrete e dati di durata”.
I suoi principali interessi di ricerca sono valutazione di impatto delle politiche pubbliche, modelli dinamici per l’analisi del mercato del lavoro (con particolare interesse per la disoccupazione, i lavori precari, la conciliazione fra lavoro e maternità, il lavoro degli immigrati), problemi di misura delle variabili economiche, integrazione di dati provenienti da diverse fonti, analisi della collusione nelle aste per lavori pubblici, modelli strutturali per l’analisi della customer satisfaction. Su questi temi ha pubblicato in diverse riviste fra le quali Labour, Bulletin of the International Statistical Institute, Statistical Methods & Applications, Agribusiness, Journal of Foodservice Business Research.

Scrivi un commento