PAOLO MAZZOLDI – Nanotecnologie nella natura e nell’arte

23/03/2012 – Venerdì ore 20,45

Centro Sociale, PIazza Donatori di Sangue

L’incontro verrà replicato al Liceo Berto

Il termine nanotecnologia sta in questi anni progressivamente uscendo dal gergo della ristretta cerchia degli “addetti ai lavori” e sta acquistando spazio sempre più vasto presso il grande pubblico. Tuttavia non è semplice dare una definizione precisa del termine nanotecnologia: esso, infatti, abbraccia una vastissima classe di discipline scientifiche che vanno dalla fisica, alla chimica, alla biologia, unendole attraverso il denominatore comune costituito dal prefisso nano-: gli oggetti di cui si occupano le varie discipline infatti hanno sempre dimensioni nanometriche. Certamente, quello che fa delle nanotecnologie un reale cambio di sistema concettuale è la necessità di avvicinarsi e superare i limiti della fisica classica per entrare nel mondo della meccanica quantistica.
La conferenza, dopo una breve introduzione sui concetti di nanotecnologia, presenterà alcuni esempi tratti dalla natura, aspetti della produzione antica artistica ed infine applicazioni attuali dal mondo delle nanotecnologie, quali ad esempio nella biomedicina, sia relativamente alla possibilità di costruire materiali impiegabili nella sostituzione o ricostruzione di parti funzionali, come, per esempio protesi ossee, che nella diagnostica, con la possibilità di identificare, ad esempio, sequenze genetiche o tessuti tumorali.
Paolo Mazzoldi ordinario di Fisica dal 1975 presso la Facoltà di Ingegneria – Università di Padova. Ha tenuto vari incarichi di insegnamento specialistici presso Università italiane, europee, India, Cina, USA. Componente di Comitati scientifici nazionali ed Internazionali, International Commission Italia – Francia, European Forum of New Glasses, Comitato Tecnico Internazionale “Methods for glass surface analysis” dell’Union Continentale des Verres, British Council for “Material Science”, Franklin Institute (Filadelfia), Germany-Israel Foundation), Agenzia per la Ricerca Francese. Ha avuto anche responsabilità di gestione in consigli scientifici di alcuni enti. Responsabile di progetti di formazione collegati a progetti 297, PON e POR. Ha avuto responsabilità tecniche scientifiche nella realizzazione di Laboratori nel settore materiali, CNRSM, Brindisi, (IRST) Trento, “NanoFab” (Marghera). Componente dell’albo degli esperti per progetti di ricerca dal MIUR, delle regioni Emilia, Piemonte e Veneto. Responsabile di progetti di ricerca finanziati dalla Comunità Europea, NATO, ASI, CNR, INFM, MIUR.
Ha organizzato Conferenze Internazionali, nazionali, Simposi EMRS, Scuole NATO.
Ha ottenuto riconoscimenti della sua attività scientifica a livello internazionale.
Autore di più di 450 Lavori su Riviste internazionali e Conferenze internazionali, nel Settore della Fisica dei materiali, nanoscienza ed applicazioni.

Tags: ,

Scrivi un commento