Piero Gianolla / Nereo Preto – La storia geologica dell’Italia…

vista attraverso la straordinaria geologia delle Dolomiti patrimonio dell’Umanità

16.12.2016 – Venerdì

Nel 2009 UNESCO ha riconosciuto alle montagne dolomitiche lo stato di patrimonio naturale dell’umanità. Nella dichiarazione si descrive il paesaggio dolomitico come straordinario a livello mondiale; si riconoscono l’importanza della geologia delle Dolomiti per la conoscenza del Periodo Triassico (Ca. 250-200 milioni di anni fa) e il ruolo che hanno avuto nella storia della geologia. Ma in cosa consiste la loro unicità e quale storia geologica hanno ? La geologia delle Dolomiti è una storia complessa che parte dal Permiano, storia di una parte dell’Italia che ha registrato con grande dettaglio una serie di avvenimenti che si sono succeduti nel tempo dalla formazione della Pangea, alla sua disintegrazione, allo scontro tra Adria ed Europa e alla formazione delle Alpi. Processi che vanno dalla litogenesi, all’orogenesi e alla morfogenesi, processi ancora in atto che fanno di questo territorio un laboratorio a cielo aperto dove osservare e capire la storia della Terra.

Piero Gianolla è professore associato presso il Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra dell’Università di Ferrara. Si è laureato all’Università di Padova dove ha poi ottenuto il Dottorato di Ricerca. Ha svolto attività di ricerca presso la Rice University di Houston e l’Institut für Geologie und Paläontologie di Innsbruck. Le sue ricerche vertono principalmente sulla stratigrafia fisica, l’analisi paleoclimatologica e la geocronologia del Triassico. È attivo in diversi progetti di cartografia geologica, soprattutto dell’area dolomitica. Dal 2005 si occupa di valorizzazione del patrimonio geologico, è stato coordinatore scientifico per la candidatura delle Dolomiti nella WHL dell’UNESCO. Dal 2014 è consulente per la candidatura alla WHL delle “Alpi del Mediterraneo”, progetto transfrontaliero Italia-Francia.

Nereo Preto è professore associato nel settore della geologia stratigrafica presso il Dipartimento di Geoscienze dell’Università di Padova. Dal dottorato di ricerca, conseguito nel 2001 a Padova, si è occupato della geologia dei corpi sedimentari carbonatici, con particolare riguardo al Triassico (ca. 250 – 200 milioni di anni fa) e alla geologia delle Dolomiti. Ha svolto la sua attività di ricerca sia a Padova che presso istituti universitari internazionali quali la Johns Hopkins University di Baltimora (USA), il MARUM Institute e lo ZMT di Brema, Germania, e la Università di Newcastle, Australia. Dal 2010 è research fellow della Alexander von Humboltd Foundation.

Scrivi un commento