Paolo Gallina – L’anima delle macchine

Venerdì 17 novembre ore 21

Modernità, progresso, tecnologia, robotica, digitalizzazione… tutti termini cui siamo abituati. In alcuni evocano un futuro dispotico, nel quale saremo dominati dalle macchine. In altri, invece, producono entusiasmo, eccitazione, e rilanciano a un domani gravido di novità. Ma tutto questo distrae dai problemi del presente. Nei dibattiti riguardanti il rapporto tra l’uomo e la macchina, poche volte si sottolinea come le macchine abbiano già cambiato la nostra vita. In questa mia presentazione vorrei fornire degli spunti di riflessione per comprendere quanto e come stiamo cambiando come esseri umani a causa (o grazie) alle macchine con cui interagiamo.

Paolo Gallina si è laureato nel 1996 in Ingegneria Meccanica all’Università di Padova. Nel 1999 ha ricevuto il titolo di Dottore di Ricerca in Meccanica Applicata alle Macchine presso l’Università di Brescia. Dal 1999 al 2002 è stato ricercatore di Meccanica Applicata alle Macchine all’Università di Padova. È stato visiting professor all’Ohio University, alla Strathclyde University e alla Columbus University, dove si è occupato di interfacce aptiche, telemanipolazione e interazione uomo/robot. Attualmente è Professore associato di Meccanica Applicata alle Macchine presso il dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Trieste. Nel 2002 ha allestito ex novo il Laboratorio di Meccatronica, di cui è responsabile. Nel 2003 ha allestito il Laboratorio di Robotica dove svolge la parte preponderante della sua attività di ricerca. I suoi campi di ricerca riguardano le vibrazioni, le interfacce uomo macchina e la robotica, con oltre 80 pubblicazioni su riviste e congressi internazionali. Attualmente sta conducendo un progetto di ricerca che ambisce a coniugare l’arte figurativa e la robotica. È autore del romanzo/saggio “La formula matematica della felicità”, 2012, Mondadori, e del saggio scientifico “L’anima delle Macchine”, 2015, Dedalo, Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica e premio Internazionale Galileo.

Scrivi un commento